Torna Dig Festival, Modena città del giornalismo per 4 giorni

(ANSA) – MODENA, 19 SET – A Modena dal 22 al 25 settembre il
maggiore festival europeo sul giornalismo, con ospiti del
calibro del documentarista investigativo Mads Brugger o del
regista ucraino Sergei Loznitsa, Avi Mograbi e Paolo Nori. Si
chiama ‘Dig’ che oltre a richiamare il verbo inglese ‘scavare’
sta per ‘documentari’, ‘inchieste’, ‘giornalismi’. L’ottava
edizione, che propone 70 eventi, è stata presentata questa
mane proprio nella città emiliana. I temi al centro saranno
quelli dei conflitti, della propaganda, delle grandi crisi
contemporanee e dell’autoritarismo tecnologico. Il via giovedì
con l’inaugurazione della mostra personale della disegnatrice
Gabriella Giandelli, poi ‘incubi di pace’, lectio inaugurale di
Maria Nadotti. L’edizione di quest’anno è dedicata alla memoria
di Matteo Scanni, a lungo direttore della scuola di giornalismo
dell’Università Cattolica di Milano, e al suo ‘stay gold’ (resta
d’oro), ovvero l’invito con cui amava spronare i giovani
giornalisti a rimanere incorruttibili. Nelle sale del cinema
Astra di Modena proiettati da mane e sera i pellicola finalisti
nelle cinque categorie di Dig Awards, concorso che quest’anno ha
attirato oltre 400 opere provenienti da tutto il mondo. (ANSA).
   

Articoli Correlati

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Storie Recenti